Vuoi rimanere aggiornato
con i nostri eventi?
Puoi farlo gratuitamente!
Basta inserire la tua mail:



Tutti gli eventi


Lucca - Francesco Geminani a 250 anni dalla morte convegni e concerti fino a dicembre 17-11-2012 / 01-12-2012



Francesco Geminani a 250 anni dalla morte: convegni e concerti fino a dicembre

Un nuovo apputamento con uno dei più grandi figli di Lucca. Per i 250 anni dalla morte di Francesco Xaverio Geminiani (nato a Lucca il 5 dicembre 1687, è scomparso a Dublino il 17 settembre 1762) la città rende omaggio al maestro e musicista con un calendari di celebrazioni.

Realizzato congiuntamente da Provincia di Lucca, Comune di Lucca, Associazione Musicale Lucchese, Associazione lucchese danza e spettacolo (Aldes), Lions Club Lucca Host e Rotary Club, il calendario prenderà il via domenica 23 settembre con un concerto di due giovani musiciste italiane, Francesca Dego (violino) e Francesca Leonardi (pianoforte) che si esibiranno alle 18 nella Sala Ademollo di Palazzo Ducale. Un’occasione per conoscere il meno famoso tra i musicisti lucchesi di cui sarà eseguita la Sonate Imeptuosa in re minore per violino e basso continua, insieme a “Il Trillo del Diavolo” di Giuseppe Tartini e i Capricci di Niccolò Paganini.

Saranno invece tre i convegni che si occuperanno di approfondire la figura di Geminiani fissati per sabato 17 e sabato 24 novembre e sabato 1 dicembre alle 17:30. Il curatore scientifico è il prof. Antonio Romiti dell’Istituto storico lucchese.

Doppio appuntamento per mercoledì 5 dicembre, data in cui il musicista, nel 1687, fu battezzato. Durante la mattina sarà apposta una lapide commemorativa a cura del Rotary Club. Ancora non è stato deciso il luogo esatto, anche se sono in ballo più zone come quella di Santa Maria Corte Orlandini o il palazzo Poschi-Meuron in piazza San Giusto. Nel pomeriggio si terrà un convegno al quale parteciperanno esperti e musicisti.

La sera sarà interamente dedicata all’unica partitura autografa di Geminiani, “La Foresta Incantata”, che sarà portata in scena con la regia di Roberto Castello da Aldes.

mappa