Vuoi rimanere aggiornato
con i nostri eventi?
Puoi farlo gratuitamente!
Basta inserire la tua mail:



Tutti gli eventi


LETTERATHE- Giancarlo Capaldo presenta “ROMA MAFIOSA - Cronache dell’assalto criminale allo Stato” (Fazi Editore). Introduzione di Mario Bernardi Guardi e Demetrio Brandi. 22-06-2013



Sabato 22 giugno alle 17.30 presso l’auditorium della Biblioteca Civica Agorà di Lucca - nell’ambito della quarta edizione di Letterathe, progetto realizzato dal Comune di Lucca – è in programma l’incontro con il procuratore Giancarlo Capaldo, autore di “ROMA MAFIOSA - Cronache dell’assalto criminale allo Stato” (Fazi Editore).
Introduzione di Mario Bernardi Guardi e Demetrio Brandi. La presentazione del libro di Giancarlo Capaldo è a cura di LuccAutori.

Giancarlo Capaldo, fino al 2012 responsabile della Direzione Distrettuale Antimafia di Roma, è attualmente procuratore aggiunto presso la Procura della Repubblica e responsabile del pool antiterrorismo. Ha condotto alcune delle inchieste più importanti degli ultimi anni, dall'ingresso del leader curdo Ocalan in Italia ai crimini contro l'umanità di Pinochet, da Lady ASL ad Emanuela Orlandi, dal caso Marrazzo alla P3, da Fastweb-Telecom a Finmeccanica, dal recupero della Tavola Doria di Leonardo al caso dei due Marò in India, senza dimenticare le numerose indagini contro la criminalità organizzata sul territorio laziale.



Giancarlo Capaldo “Roma mafiosa - Cronache dell’assalto criminale allo Stato”

Roma mafiosa è il resoconto appassionato di un magistrato che per anni si è speso nella lotta alla mafia e che ora, riflettendo sugli avvenimenti del biennio ’92-’93, descrive le trasformazioni delle organizzazioni criminali e i rischi della difficile situazione istituzionale di oggi.

«Un investigatore d’eccezione per un libro choc» Gianluigi Nuzzi
Il territorio capitolino è una base essenziale sia per le mafie nostrane - Cosa Nostra, ‘ndrangheta, camorra – che per quelle straniere – albanese, russa, cinese o nigeriana - in un vero crocevia di interessi illeciti. Roma in particolare è stata ed è tuttora il teatro di una decisiva mutazione della criminalità. Partendo nella sua analisi dalla stagione delle stragi e della cosiddetta trattativa, Capaldo dipinge una nuova mafia pervasiva e dai contorni sfumati che punta ai luoghi di potere e pilota scelte essenziali. In base all’esperienza maturata in quarant’anni di attività, il magistrato scrive un saggio ricco di informazioni e dati, corredato da box di approfondimento e arricchito da aneddoti personali, e ci aiuta ad orientarci in paese in cui la classica tripartizione dei poteri è esautorata da un esecutivo onnivoro che tenta di fagocitare il Parlamento, da una magistratura allo stesso tempo bersagliata dalla politica e tentata dal superamento delle sue prerogative, da una stampa sempre meno indipendente e sempre più interessata e da una serie di poteri forti extraistituzionali che aspirano al ruolo di burattinai dell’eterna transizione italiana. «Le infiltrazioni delle cosche campane, calabresi e siciliane e i loro contatti con la malavita organizzata locale sono un fenomeno sempre più attuale e pericoloso. Roma è l’unica città dove possono fare affari insieme senza entrare in conflitto. Nella capitale le cosche non impongono il controllo del territorio come in Campania o in Sicilia, non si dedicano alle estorsioni o ai regolamenti di conti. Qui da noi abbiamo il vertice, il gotha delle organizzazioni». Giancarlo Capaldo, la Repubblica


mappa