Vuoi rimanere aggiornato
con i nostri eventi?
Puoi farlo gratuitamente!
Basta inserire la tua mail:



Tutti gli eventi


I VENERDI DEL PEPENERO A cena con gli autori VENERDI 30 gennaio alle 20.15 LA STORIA SIAMO NOI 30-01-2015



Ultimo appuntamento del ciclo invernale de “I venerdì del Pepenero” al ristorante Pepenero di Pietrasanta. VENERDI 30 gennaio alle 20.15 Demetrio Brandi presenta LA STORIA SIAMO NOI con la partecipazione del prof. Marco Piccolino con il volume "A Sant' Anna di Stazzema - La storia di Pietro, testimone per caso della strage", del prof. Paolo Buchignani con il libro “Il santo maledetto” e della sociologa Emma Viviani con “Energie ribelli”.



Marco Piccolino, nel volume edito da Il Campano, ha raccolto la testimonianza di Pietro, testimone per caso della strage di Sant’Anna. Il 12 agosto 1944 Pietro Giuntini si trovò per pochi istanti ad assistere, insieme a suo padre Sisto, alla strage sulla piazza della chiesa di Sant’Anna di Stazzema, in cui i nazifascisti massacrarono 560 persone, in maggioranza donne e bambini. La narrazione si muove tra la storia personale di Pietro, che per due anni visse alla macchia tra i boschi delle Apuane, insieme col padre socialista-cattolico ricercato dai fascisti versiliesi, e la grande storia, che vide nella tragedia di Sant’Anna uno dei momenti più drammaticamente intensi.

Con il “Il santo maledetto” (edito da Meridiano Zero) Paolo Buchignani ci offre un potente ritratto letterario, originale trasfigurazione narrativa di quel “santo maledetto” che fu Marcello Gallian. Un vero artista d’avanguardia, ribelle irriducibile, innamorato del Duce e della Rivoluzione. Nelle pagine del libro compare con il nome di Matteo Galati, si ritira in incognito nella Certosa di Farneta e, prossimo alla morte, in quell’anno cruciale che fu il 1989, racconta la sua storia affascinante e tragica, segnata nel profondo dai miti, dagli errori e dagli orrori di un secolo che volge al termine.

Emma Viviani con il nuovo libro "Energie ribelli" edito da Ets sviluppa una riflessione critica sul "disagio sociale". La società attuale può essere osservata da un’altra prospettiva: dal mondo marginale. L’esperienza di frontiera è quella di chi sperimenta la diversità, di chi sceglie di scostarsi dalla vita abitudinaria e dalle regole convenzionali. Il mondo dell’emarginazione è un potenziale da cui la società deve prendere coscienza per riformare se stessa.



Silvia e Gianmarco vi invitano a prenotare i posti - cena 25 euro a testa - telefonando allo 0584.792877

mappa