Vuoi rimanere aggiornato
con i nostri eventi?
Puoi farlo gratuitamente!
Basta inserire la tua mail:



Tutti gli eventi


Lucca - Verdemura Primavera 2017 primavera italiana delle mostre di giardinaggio 31-03-2017 / 02-04-2017

Mostra Mercato del Giardinaggio e del Vivere all'Aria Aperta.
Torna con la 10ma edizione venerdì 31 marzo, sabato 1° e domenica 2 aprile 2017.



Oltre 150 espositori italiani e stranieri: vivaisti di piante e specie orticole, arbusti, bulbi, attrezzi e arredi per il giardino e per l’orto, prodotti artigianali e alimentari di eccellenza, il tutto nell’ambientazione unica delle Mura di Lucca, uno dei parchi pubblici più antichi e suggestivi d’Europa.



Verdemura apre la lunga stagione delle grandi mostre italiane  di giardinaggio: Lucca festeggia così la primavera invitando tutti a visitare uno dei luoghi più verdi e suggestivi della Toscana, il parco delle Mura, un luogo unico nel suo genere in tutto il mondo.



Le Mura di Lucca con i loro 96 ettari, totalmente pedonali, rappresenta una realtà unica nel panorama del verde pubblico europeo. Un parco unitario conformato ad anello, con una passeggiata di 4.2 chilometri, totalmente alberata, che avvolge il centro storico con il suo abbraccio.



Verdemura si sviluppa nell’atmosfera unica e suggestiva del baluardo di San Martino, sulla cortina della vicina Porta Santa Maria, e sulla Piattaforma San Frediano  dove troveranno posto circa 150 espositori: vivaisti di piante e specie orticole, arbusti, bulbi, attrezzi e arredi per il giardinaggio e per l’orto. Uno spazio articolato e ricco di panorami sulla città e sul paesaggio circostante.

Con un unico sguardo si potranno abbracciare la storia, la bellezza del grande complesso militare che difese la Repubblica di Lucca per molti secoli e i primi fiori,  le gemme e i colori della primavera: dalla piattaforma San Frediano con gli scorci sulla basilica omonima e sul giardino barocco di Palazzo Controni Pfanner, alla possente porta Santa Maria, fino alle cannoniere, al torrione e ai sotterranei del baluardo San Martino.
I tre giorni che aprono la primavera lucchese, come sempre saranno scanditi da mostre tematichelaboratori,  incontri con testimoni autorevoli e con gli autori di novità editoriali.

Dai cesti all’aspirina: il Salice
In occasione della decima edizione VerdeMura offre un approfondimento su un tema botanico di grande interesse: i salici. Un genere di alberi e arbusti dalle cortecce lucide e colorate ornamento del giardino invernale, primo annuncio della primavera con il loro vigore vegetativo.
Il salice ha accompagnato la storia dell’uomo dalla nascita della civiltà grazie alla facile reperibilità, alla veloce crescita con giovani rami lunghi, diritti e flessibili, un materiale ideale con cui legare oggetti, realizzare utensili, costruire cesti, nasse ma anche graticci e parti di edifici. La Bibbia ci descrive le rive del Giordano ricche di salici, comuni lungo i corsi d’acqua di tutta la Mezzaluna fertile. Gli antichi Egizi ci hanno lasciato nelle loro tombe le più raffinate realizzazioni di cesteria e di mobilio antichi prodotti con questo umile ma insostituibile vegetale.
Un patrimonio ereditato dalla cultura artigianale e contadina dell’Europa dove i salici hanno principalmente accompagnato il lavoro dell’uomo come alberi e arbusti da orto, coltivati sui confini e lungo fossati fra i campi, con le caratteristiche forme capitozzate, per ottenere sempre nuove giovani fronde da utilizzare anche solo per legare frutteti e viti a spalliere e pergole.
Con la nascita del giardino di paesaggio l’interesse per questo albero ha assunto una nuova vitalità a partire dal Salice piangente, Salix babylonica, originario della Cina giunto in Europa alla fine del XVII secolo. Diverse decine fra specie e varietà selezionate erano in coltivazione all’inizio dell’Ottocento, apprezzate per portamento, dimensioni, forme e colori di fusti e foglie.
La storia di questa specie ha un ulteriore capitolo: la corteccia del Salice bianco Salix alba e di altre specie del genere botanico, fu alla base di preparazioni medicinali contro la febbre, dolori e infiammazioni già dai tempi di Ippocrate e nella cultura di molte civiltà dell’emisfero boreale ma solo in epoca scientifica si comprese con sperimentazioni che quelle credenze erano pienamente fondate arrivando a identificare il principio attivo nel 1828: la salicina alla base della successiva sintesi sintetica dell’acido acetilsalicilico ossia la nostra Aspirina.

Orari e biglietti
Orari:

    venerdì 31 marzo  (ore 12-19),
    sabato 1 aprile (ore 9.30-19)
    domenica 2  aprile   (ore 9.30-19)

La vendita biglietti termina alle ore 18.00 di ciascun giorno
Prezzo dei biglietti d’ingresso:
Intero € 6,00
Ridotto € 3,00 over 65, minori tra gli 8 e i 14 anni, diversamente abile con
accompagnatore, CartaVerde 2016 della rivista “Vita in Campagna”
Gratuito minori di 8 anni
Abbonamento per 2 giorni € 10,00
Abbonamento per 3 giorni € 16,00
Acquisto cumulativo 20 ingressi € 120,00 + due biglietti omaggio

I cani possono entrare al guinzaglio
Servizio gratuito di noleggio carriole e, all’esterno di Porta Santa Maria, area di deposito-consegna piante a cui poter accedere con l’automobile.

Segreteria di VerdeMura

Opera delle Mura di Lucca
Castello di Porta San Donato nuova –  Mura Urbane – 55100 Lucca

Segreteria espositori

tel. +39 0583 442756
fax +39 0583 1642085
mob. +39 366 4228615
lunedì dalle ore 10.30 alle ore 12.30
martedì e giovedì dalle ore 09.00 alle ore 12.00

espositori (chiocciola) verdemura.it – www.verdemura.it

mappa