Tutti gli eventi


convegno promosso dalla Fondazione Banca del Monte di Lucca Don Domenico Martinelli, celebre architetto del ‘700 11-09-2020



Si presentano gli atti del convegno promosso dalla Fondazione Banca del Monte di Lucca

Don Domenico Martinelli, celebre architetto del ‘700
Opere ed estro di un “lucchese nel mondo”
Venerdì 11 settembre alle ore 17 nella chiesa dei Santi Giovanni e Reparata

Le conferenze di due insigni storici dell’arte, la musica barocca di Monteverdi, il video realizzato dagli studenti dell’alternanza scuola-lavoro di Lucca: è questo il programma con cui saranno presentati gli atti del convegno internazionale di studi sull’architetto lucchese don Domenico Martinelli, che la Fondazione Banca del Monte di Lucca aveva organizzato nel 2018 per celebrare i 300 anni dalla scomparsa del celebre architetto.

L’appuntamento, promosso e organizzato dalla Fondazione Banca del Monte di Lucca nell’ambito del progetto Memorie di Lucca, in collaborazione con l’Istituto storico lucchese, è per venerdì 11 settembre alle 17, nella chiesa dei Santi Giovanni e Reparata a Lucca (p.za San Giovanni), dove è ubicato l’altare di Sant’Ignazio di Loyola, una delle principali opere cittadine del Martinelli.

Gli Atti, editi da ETS, saranno commentati dai professori Alberto Ambrosini e Marco Collareta, entrambi docenti nell’ateneo di Pisa.

A seguire sarà proiettato il video curato dagli studenti delle scuole superiori di Lucca (licei classico Machiavelli, tecnologico Fermi, artistico Passaglia) che, con la collaborazione dell’A.N.I.S.A. (Associazione Nazionale Insegnanti di Storia dell’Arte) e il supporto dei docenti Alessandro Grassi, Arianna Antongiovanni, Massimo Malatesta e Barbara Baroncelli, nell’anno scolastico 2018/19 hanno preso parte al progetto di alternanza scuola/lavoro su Domenico Martinelli promosso dalla Fondazione Banca del Monte di Lucca.

Concluderà l’incontro un concerto barocco eseguito dall’ensemble I bei legami di Pisa, che presenta un repertorio dedicato a Claudio Monteverdi (1567-1643) e musicisti suoi contemporanei.

“Il convegno – ricorda Oriano Landucci, presidente della Fondazione – aveva richiamato a Lucca studiosi da tutta Europa, dal momento che le principali opere progettate da Martinelli si trovano all’estero, principalmente in quello che fu l’Impero austro-ungarico. L’evento aveva avuto un notevole successo ed è stato una bella occasione per la città, per riscoprire uno dei suoi cittadini che ha portato il nome di Lucca in contesto internazionale. Con la pubblicazione degli Atti, studiosi, cittadini e semplici curiosi avranno una seconda occasione per riscoprire la figura di questo importante architetto e le opere che ha lasciato nella nostra città”.

L’ingresso nella Chiesa dei Santi Giovanni e Reparata è libero, fino a esaurimento dei posti. Sono obbligatori la mascherina e il rispetto delle misure di distanziamento.

mappa