Tutti gli eventi


Lucca-Iván Fischer e Budapest Festival Orchestra 21 Luglio Piazza San Martino 19-07-2021 / 21-07-2021

Iván Fischer e Budapest Festival Orchestra



Dopo aver inaugurato il 64° Festival di Spoleto lo scorso 25 giugno, il Maestro Iván Fischer sarà a Lucca, in piazza San Martino, per il concerto estivo del Teatro del Giglio: alla guida della "sua" BFO - Budapest Festival Orchestra, il Maestro si esibirà il 21 luglio (alle ore 21.30) con un programma dedicato alle musiche di Darius Milhaud, Zoltan Kodály, Astor Piazzolla, Giacomo Puccini. Con lui, Ruzan Mantashyan (soprano) e Antonio Poli (tenore).

Astor Piazzolla Tangazo
Darius Milhaud Le boeuf sur le toit op. 58
Giacomo Puccini da La bohème
Che gelida manina
Si, mi chiamano Mimi
O soave fanciulla
Zoltán Kodály Danze di Galánta

Iván Fischer è il fondatore e il Direttore Musicale della Budapest Festival Orchestra. È anche il Direttore Musicale della Konzerthaus di Berlino e della Konzerthausorchester. Dal 2018 è Direttore Artistico del Vicenza Opera Festival. Negli ultimi tempi il maestro ungherese si è fatto apprezzare anche come compositore: suoi lavori sono già stati eseguiti con successo negli Stati Uniti, in Olanda, in Belgio, in Ungheria, in Germania e in Austria. Il maestro Fischer ha diretto molte produzioni operistiche e le sue opere in forma di concerto hanno riscosso grandi consensi di pubblico a Budapest, New York, Berlino, Amsterdam, Londra, Bruges, Abu Dhabi e al Festival di Edimburgo. I tour mondiali della Budapest Festival Orchestra e le incisioni discografiche registrate prima per Philips Classics e poi per Channel Classics si sono guadagnate gli apprezzamenti della critica specializzata e hanno contribuito ad accrescere la reputazione di Iván Fischer che oggi è considerato uno dei più lungimiranti direttori musicali del mondo. Il maestro Fischer ha già diretto i Berliner Philharmoniker in più di dieci occasioni e ogni anno lavora per due settimane con la Royal Concertgebouw Orchestra. Oltre a ciò è ospite regolare delle più affermate formazioni orchestrali statunitensi, comprese la New York Philharmonic e la Cleveland Orchestra. Come Direttore Musicale è stato alla guida della Kent Opera e dell’Opéra National de Lyon e come Direttore Principale è stato alla testa della National Symphony Orchestra di Washington. Molte delle sue registrazioni si sono meritate i più prestigiosi premi internazionali. Iván Fischer ha studiato pianoforte, violino e – più tardi – violoncello e composizione a Budapest e successivamente si è perfezionato in direzione d’orchestra sotto la guida di Hans Swarowsky e Nikolaus Harnoncourt. Il maestro Fischer è fra i fondatori della Hungarian Mahler Society ed è un sostenitore della British Kodály Academy. Fra i tanti riconoscimenti ricevuti sono da ricordare il Golden Medal Award dal Presidente della Repubblica di Ungheria e il Cristal Award del World Economic Forum per la sua attività di promotore della cultura internazionale. Il Governo francese lo ha insignito dl titolo del Chevalier des Arts et des Lettres. Nel 2006 ha ricevuto il Premio Kossuth, ovvero la più alta onorificenza ungherese nel campo delle arti. Nel 2011 ha ricevuto il Premio della Royal Philharmonic Society, il Prima Primissima Prize in Ungheria e il Dutch Ovatie Prize. Nel 2013 è diventato membro onorario della Royal Academy of Music di Londra. Nel 2015 è stato premiato con l’Abu Dhabi Festival Award alla carriera e nel 2016 ha vinto il premio di miglior direttore straniero da parte dei critici musicali argentini.

Budapest Festival Orchestra. Quando il maestro Iván Fischer fondò la Budapest Festival Orchestra, nel 1983, ha visto avverarsi un sogno che cullava da tempo. La filosofia alla base dell’orchestra era quella di dare vita ad un gruppo di musicisti che fosse creativo, responsabile e all’interno del quale ognuno avrebbe continuato a sviluppare la propria musicalità nel repertorio orchestrale, cameristico e solistico. Il maestro Fischer ha introdotto nell’orchestra una serie di innovazioni, a partire da una rigorosa metodologia di studio individuale che mettesse in luce il talento creativo di ciascun orchestrale. L’approccio innovativo al repertorio, l’assoluta passione dei musicisti e il loro costante impegno alla ricerca dell’eccellenza hanno fatto della Budapest Festival Orchestra una delle migliori formazioni orchestrali del mondo. Quello che all’epoca era un giovane ensemble appena costituito, oggi è invitato regolarmente nei più importanti Festival del panorama internazionale e le sue incisioni – dapprima per Philips Classics, poi per Channel Classics – hanno vinto numerosi premi. Già nel 2009 un sondaggio internazionale indetto dalla prestigiosa rivista Gramophone ha eletto la Budapest Festival Orchestra fra le migliori orchestre del mondo. Con sede a Budapest, la BFO è diventata la più popolare orchestra ungherese e tiene i suoi concerti nelle grandi sale del MUPA e della Franz Liszt Academy. All’interno della programmazione annuale l’orchestra dedica almeno tre settimane di attività in progetti rivolti alla comunità nei quali i musicisti della BFO, suddivisi in varie formazioni, portano la loro musica nelle scuole, nelle case di cura, nelle chiese e in altri centri comunitari. Vengono anche organizzati dei tour musicali nelle sinagoghe ungheresi in stato di abbandono con lo scopo di ridar vita e visibilità a questi luoghi e di promuovere lo spirito di tolleranza. La Budapest Festival Orchestra è protagonista di numerose serie di concerti che si caratterizzano per il loro carattere fortemente innovativo. È il caso dei “Cocoa Concerts”, espressamente dedicati ai nuclei familiari con ragazzi autistici. Grande successo – non solo in Ungheria ma anche in altre parti del mondo, specialmente ai BBC Proms – hanno ottenuto i concerti nei quali è il pubblico a scegliere il programma. La “Maratona musicale” al MUPA ha per protagonista un solo compositore al quale, in un solo giorno, sono dedicati ben 11 concerti. Nella serie “Musica a Mezzanotte”, dedicata al pubblico giovane, i ragazzi trovano posto fra le fila della BFO e si siedono con i loro cuscini tra i musicisti dell’orchestra. Nel mese di giugno 500 bambini di etnia Rom e non Rom danzano tutti assieme al suono dell’orchestra nella grande Piazza degli Eroi di Budapest. In settembre la BFO organizza il “Bridging Europe Festival” dedicato alla cultura delle varie nazioni del Continente europeo. Le produzioni operistiche della BFO – realizzate anche in forma di concerto – sono generalmente dirette dal maestro Iván Fischer. Nel 2013 il New York Magazine ha decretato “Le Nozze di Figaro” della BFO come il migliore evento di musica classica dell’anno. Le produzioni di maggiore successo della BFO sono invitate nelle più importanti rassegne musicali del mondo, come il Mostly Mozart Festival, il Festival di Edimburgo e quello di Abu Dhabi. Dal 2018 la Budapest Festival Orchestra è protagonista, in Italia, del Vicenza Opera Festival che si tiene nell’incomparabile scenario del Teatro Olimpico disegnato nel 1580 da Andrea Palladio e inaugurato nel 1585. La BFO ha commissionato a vari autori contemporanei delle nuove composizioni che ha poi eseguito in Prima assoluta. L’orchestra è anche coinvolta in un progetto di formazione artistica dei nuovi talenti in collaborazione con la European Union Youth Orchestra e il Verbier Festival. Direttori principali ospiti della BFO sono stati Sir Georg Solti e Sir Yehudi Menuhin. Oggi l’incarico è affidato al maestro Gábor Takács-Nagy. Il maestro Iván Fischer è il direttore musicale della BFO fin dalla fondazione. La Budapest Festival Orchestra è una Fondazione amministrata da un Consiglio direttivo. Le sue varie attività sono rese possibili grazie ai contributi pubblici del Governo ungherese e della Città di Budapest e alle risorse private di varie associazioni e gruppi di supporter che sono sorti in Ungheria, negli Stati Uniti, in Gran Bretagna e Germania.

Ruzan Mantashyan, soprano. Acclamata

mappa