Vuoi rimanere aggiornato
con i nostri eventi?
Puoi farlo gratuitamente!
Basta inserire la tua mail:



Tutti gli eventi


Lucca-Lungo la scia di un'elica Palazzo Ducale - Mostra fotografica e documentale 05-02-2011 / 01-05-2011

Storie di ieri, storie di oggi, di donne e di uomini migranti

Lucca, Palazzo Ducale
Dal 5 febbraio al 1 maggio 2011



Documenti di archivio, fotrografie, manifesti, vignette di ieri e di oggi raccontano pagine importanti della storia d'Italia. 

Ingresso libero
Aperto tutti i giorni 10-13 e 15-18
Chiuso il lunedì
 
Inaugurazione 5 febbraio 2011, ore 17:30

L’ordinamento della mostra si ispira al percorso espositivo del Museo Paolo Cresci
per la storia dell’emigrazione italiana, allestito in alcuni ambienti di Palazzo
Ducale di Lucca, curato da Maria Rosaria Ostuni con la collaborazione di Pietro
Luigi Biagioni.
L’allestimento scenografico della mostra, ideato da Alessandro Sesti, crea un
percorso con ambientazioni, immagini, musiche, filmati, vignette umoristiche dei
giornali dell’Ottocento e di autori moderni,istallazioni fotografiche di artisti
contemporanei.
Le foto e i documenti prendono in considerazione aspetti delle “emigrazioni” da
diverse regioni italiane, caratterizzati da sensibili diversità: l’estrema povertà di
alcune aree del Sud Italia che spingeva all’esodo moltitudini affamate e le
condizioni di relativo benessere di zone come quelle della Toscana da cui talvolta
si partiva con i risparmi necessari per avviare modeste attività imprenditoriali.
Nell’intento di suggerire ulteriori spunti di riflessione, la mostra presenta vignette
umoristiche sul tema delle migrazioni, sia di ieri che di oggi. Aspetto originale
raramente preso in considerazione dagli studiosi, l’umorismo rappresentò uno
degli strumenti utilizzati da Paolo Cresci, appassionato ricercatore di
documentazione sulla storia dell’emigrazione e fondatore dell’omonimo Archivio,
per analizzare il fenomeno:
“Penso che l’umorismo potrebbe essere la chiave per far saltare tante
incomprensioni. La vera, più utile e urgente demistificazione e demitizzazione di
noi tutti…. Si può ridere, diciamo si deve ridere, sia pure amaramente, anche d’una
tragedia, se la si vuole capire davvero “.

mappa