Vuoi rimanere aggiornato
con i nostri eventi?
Puoi farlo gratuitamente!
Basta inserire la tua mail:



Tutti gli eventi


Seravezza - I NOSTRI PADRI ETRUSCHI di Giuseppe Bartolozzi e Clara Tesi 20-09-2013 / 15-12-2013

I NOSTRI PADRI ETRUSCHI di Giuseppe Bartolozzi e Clara Tesi
a cura del prof. Edoardo Testori
in collaborazione con Galleria Open One Pietrasanta



Il grande prato verde davanti al Palazzo Mediceo di Seravezza, da poco Patrimonio Mondiale dell’Unesco, ospiterà da venerdì 20 settembre - vernissage ore 17.00 – una enorme installazione opera di Giuseppe Bartolozzi e Clara testi dal titolo “I nostri padri Etruschi” realizzata un marmo di Carrara, travertino, bronzo bianco e vetro.

Due gigantesche uova saranno posizionate sul prato una davanti all’altra a circa 50 metri di distanza con al centro ancora un uovo che esce da un solido d’acqua brillando di luce e colore. Davanti alle uova due porte alte 8 metri, la prima con il sole e l’altra con la luna. Tutto questo circondato da filari di 12 cipressi sistemati dagli esperti di parchi e giardini di Unico e Ovunque di Firenze, che si avvale della preziosa collaborazione di un partner di eccellenza, Vannucci Piante, il più grande vivaio d’Europa.ed effetti di luce. Un’opera suggestiva che costituisce un omaggio al mondo etrusco e che interpreta le figure dell’Apollo di Vejo e degli Sposi Etruschi, celeberrime icone che ci provengono da oltre 2.500 anni della nostra storia nel significato profondo di offrire una lettura di universale bellezza collocata proprio davanti al Palazzo Mediceo.

"Si dice che gli Etruschi avessero paura della morte – spiegano gli artisti – ma questo non è vero e anzi siamo convinti che credessero nella resurrezione e che la forma d’uovo, che si ritrova in molte tombe etrusche, sia proprio il simbolo di questa rinascita”.

L’installazione rimarrà sul prato del Palazzo Mediceo fino almeno a fine novembre, poi sarà trasferita nella città russa di Sochi nell’occasione delle Olimpiadi invernali, che si terranno a febbraio del prossimo anno.

L’opera è stata realizzata in collaborazione con la Fondazione Terre Medicee e l’iniziativa e il sostegno della Galleria Open One di Pietrasanta, Unico e Ovunque di Firenze e Sochi, Vannucci Piante di Pistoia, CBC Marmi di Pietrasanta e la ditta Globo di Illasi (VE).

mappa